CHI SIAMO

In primo piano

CET 1 ai primi posti in Italia
 

Un 2017 all'insegna di solidità, prudenza e salute.


Negli ultimi mesi si è parlato molto delle banche e della loro salute.
Per questo vogliamo fare con voi un ripasso illustrando gli indici più significativi che rivelano lo stato di salute della nostra banca.
Vi ricordate cos'è il CET1 Ratio ovvero l'indice di SOLIDITA'?

Il CET1 Ratio (Common Equity Tier 1) è un parametro più utilizzato per misurare la solidità di una banca.
Come si legge il CET1?
Semplice: più alto è il valore, più la banca è SOLIDA. Una banca solida è una banca sicura.
L'indice di solidità del Credito Cooperativo di Brescia è del 17,95%; fra i più elevati d'Italia. Dato disponibile e aggiornato al 31/12/2016.
La media delle banche italiane è del 12,4% (dato disponibile al 30/09/2016) e la Bce richiede un CET1 ratio superiore all'8%.

Ma non c'è solo il CET1 Ratio come valore indicativo dell'andamento di una banca. Tra gli indici più significativi ci sono l'NPL Ratio e il COVERAGE Ratio.

L'NPL Ratio (Non Performing Loan - prestiti non performanti) in pratica sono i crediti per i quali la riscossione è incerta e nel linguaggio bancario sono chiamati anche crediti deteriorati.
Come si legge l'NPL Ratio?
Facile: più basso è il valore, più la banca può essere considerata SANA.
L'NPL Ratio del Credito Cooperativo di Brescia è del 12,70%; fra i più bassi d'Italia. Dato aggiornato al 31/12/2016.
La media delle banche italiane è del 17,7% (dato disponibile al 30/06/2016).

Il COVERAGE Ratio ovvero il tasso di copertura deteriorate è il rapporto tra le rettifiche di valore e il valore lordo del credito deteriorato.
Per esempio se una banca che ha 100 milioni di crediti deteriorati e li svaluta a 40, ha un tasso di copertura del 60%.
Come si legge il COVERAGE Ratio?
Semplice: più alto è il valore, più la banca ha un atteggiamento PRUDENTE perché riduce la propria esposizione, incassando subito le perdite, su quel credito.
Il tasso di copertura deteriorate del Credito Cooperativo di Brescia è del 54,10%; fra i più elevati d'Italia. Dato aggiornato al 31/12/2016.
La media delle banche italiane è del 46,4% (dato disponibile al 30/06/2016).

torna su